Tag

, , ,

Favignana 2014 (EBruner)La speranza e l’illusione. Spesso falsi sinonimi. Come nel caso di scelte e decisioni, a qualcuno viene bene la confusione, ad altri può rovinare la vita, marcando un passo o la sua assenza. La speranza è qualcosa che riguarda il futuro, l’illusione invece riguarda il presente. La speranza conduce all’attesa e all’inerzia, l’illusione al cambio e al movimento. La speranza si basa sulla negazione dell’evidenza statistica: qualcosa che non è mai cambiato può sempre farlo. L’illusione si basa su una pulsione interna che ti porta a costruire un cammino fondato sul piacere di ogni suo passo. La speranza per Monicelli è un inganno inventato dai potenti, per poterti ingannare un’altra volta oggi giurandoti che domani non lo faranno, o che sapranno come ripagarti il torto. La speranza è lo strumento della religione e della politica. L’illusione per Flaubert è la principale qualità dell’arte, motore dell’anima, dell’emozione e della scoperta. L’illusione è lo strumento della scienza. La speranza brucia gli anni, l’illusione da uno scopo ai giorni. La speranza uccide il tempo, l’illusione gli da la vita. La speranza  ha spesso a che vedere con gli altri, l’illusione in genere riguarda se stessi. La speranza dipende quasi sempre dagli altri, l’illusione dipende solo da te. I bambini sono pieni di illusioni e non sanno cosa sia la speranza, gli adulti spesso hanno solo speranze, e non hanno più nessuna illusione. Curioso come poi tutti dicono di non voler mai perdere la speranza, ma non soffrono affatto la condanna di non avere più illusioni. L’illusione finisce quando inizia la speranza.

***

Dedicato a Paula, e a tutti gli altri, e a tutti noi, invitati al ballo di questa danza illusa e scomposta, senza tempo ma sempre accelerata, in attesa di una meta che poi è solamente una fine, la fine qualunque di un romanzo già letto, che ci distrae dalla bellezza di ogni suo verso.

Annunci