Tag

, , ,

Blind Godness 2016Hanno ragione gli anarchici: quando c’è bisogno di fare una legge è perché, in media, il popolo non ha intenzione di rispettarla. Questo comporta anche il rovescio della medaglia: se la rispettano, vuol dire che non c’era bisogna di farla. Un caso italiano forse è quello del fumo: un popolo che non ha mai rispettato una norma, nel caso della proibizione del fumo nei locali pubblici ha dato una risposta severa, disciplinata e contundente. Ma forse la verità è che quelli che fumavano erano ormai pochi (lo sa bene chi ancora contava con un classico “scusa c’hai da accénne?”), quelli che non sopportavano il fumo erano molto di più, c’era aria da linciaggio del fumatore, e la legge è arrivata a cose già fatte. Per il resto nulla di nuovo nella storia delle società umane dove, in tutti i tempi e in tutti i luoghi, quelli che fanno le leggi in genere esigono il loro rispetto solo da parte degli altri. Sappiamo bene le regole del gioco. Se sei un politico o un impresario puoi evadere tranquillamente le tasse se lo fai utilizzando le leggi dei paradisi fiscali e le norme appositamente traballanti del tuo governo compiacente. Se sei uno sportivo ti puoi dopare quanto vuoi se lo fai con sostanze non ancora dichiarate illegali. Se vuoi lucrare sulla sessuopatia compulsiva della subcultura adolescente lo puoi fare basta che non metti peni o vagine in bella mostra sul bancone. Se vuoi reprimere e sfruttare un lavoratore lo puoi fare basta che trovi quella legge sufficientemente incompleta o generale da non contraddire il sopruso, e se invece sei un lavoratore e vuoi fottertene delle tue responsabilità portandoti a casa uno stipendio immeritato lo puoi fare basta che un sindacato abbia trovato la combinazione adatta per avvallare l’illecito in nome del diritto. Sì perché troppo spesso un diritto violato al momento della sua tutela diventa immediatamente un diritto abusato, in una schizofrenia legale garantita dal timore ad avvicinarsi troppo alla frontiera tra illecito e permesso. La paura e la incapacità di lavorare sui toni di grigio avvalla e protegge gli estremi. E la lotta è impari: chi è occupato a dare un contributo culturale o sociale non ha tempo di leggersi tutte le clausole, e chi invece è dedito a esplorare e controllare i labirinti della legge spesso non ha troppa voglia di dare un contributo alla comunità. Leggere attentamente le avvertenze e le modalità d’uso. O pagare un avvocato perché lo faccia.

Annunci